Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Miltonia

Il genere Miltonia comprende 25 specie di piante epifite, erbacee perenni, che in natura vivono su tronchi d’albero o su rocce.

Miltonia (Miltonia candida)

Sono formate da pseudobulbi con un solo nodo, da cui prendono origine le foglie, strette e appiattite, e gli steli fiorali, eretti o curvi. I fiori sono no appiattiti, assomigliano alle viole del pensiero sono molto ornamentali e hanno breve durata.
Ritenute fra le orchidee più belle, sono simili agli Odontoglossum, con cui si incrociano facilmente, dando svariati ibridi. In appartamento la loro fioritura dura circa un mese.
Miltonia candida presenta due foglie allungate e ovali, verde scuro. I fiori sono riuniti sugli steli fiorali in numero di 3-5 e sono di colore giallo chiazzato di marrone, con labello bianco e sfumature porpora alla base; appaiono da agosto a novembre e hanno un diametro di 7-8 cm.
La varietà “Flavescens” ha labello giallo, mentre “Grandiflora” ha fiori di dimensioni maggiori di quelli della specie tipica. Non hanno necessità di un periodo di riposo.

Esposizione

Durante l’inverno è necessario un’illuminazione intensa, mentre d’estate è opportuno ombreggiure un po’.

Temperatura

In estate vuole atmosfere umida, ma con buona venfilazione e temperatura oscillante tra i 25 e i 30 °C. La minima invernale deve rimanere al di sopra dei 10 °C.

lnnaffiature

Le innaffiature devono essere piuttosto abbondanti, per tenere sempre umido il composto; in inverno, se la temperatura si abbassa, è opportuno diminuire le innaffiuture. In estate, bagnare le foglie (anche più volte al giorno).

Riproduzione

 La moltiplicazione di questa pianta risulta piuttosto difficile ma si può provare, alla fine dell’estate, a dividere i bulbilli che compaiono sul bulbo dell’anno precedente. In primavera si pongono in un substrato costìtuito da corteccia di abete, sabbia e torba in parti uguali.

Substrato

Il terreno è composto speciale per orchidee, costituito da 2/3 di corteccia sminuzzata e 1/3 di sfagno. Il terreno deve sempre essere umido e ben drenato.

Parassiti, malattie

Le cocciniglie infestano le foglie e i fusti.