Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Odontoglossum

Gli Odontoglossum sono tra le orchidee più belle e sono anche tra le meno difficili da coltivare in appartamento.

Odontoglossum (Odontoglossum citrosum)

Il genere comprende circa 300 specie originarie di regioni d’alta quota, per la maggior parte epifite, che presentano pseudobulbi appiattiti e ovati, che si sviluppano dal rizoma, in piccoli gruppi. Odontoglossum citrosum è una specie deliziosamente profumata; ha fusti carnosi, tondeggianti, che formano ognuno un paio di foglie coriacee, nastriformi, lunghe fino a 30 centimetri. I fusti fiorifenl lunghi e penduli, portano fino a 10 fiori che sbocciano prevalentemente in primavera, larghi circa 6 cm e di colore rosa pallido con labello rosa scuro. Le infiorescenze sono formate da fusti arcuati formatisi al piede degli pseudobulbi; i fiori hanno tepali esterni stretti e appuntiti o larghi e tondeggianti.

Famiglia

Orchidacee

Origine

Messico

Esposizione

La pianta esige luce viva ma non deve essere mai esposta direttamente al sole, come tutte le orchidee; l'ambiente deve essere ben aerato, ma al riparo dalle correnti d'aria fredda.

Temperatura

La temperatura minima estiva si aggira intorno ai 15-18°C e quella invernale intorno ai 10-15°C . Le foglie avvizziscono e i fiori soffrono se la temperatura è troppo elevata.

Innaffiature

Abbondanti con l'accortezza di aspettare che la metà superiore del composto sia asciugata prima di innaffiare nuovamente. In inverno si annaffia quanto basta a inumidire il composto e lo si lascia asciugare un po' prima di reinnaffiare; è molto importante soprattutto se fa freddo, mon lasciare ristagnare l'acqua; foglie e fiori avvizziscono se il composto resta troppo asciutto.

Fertilizzazione

La concimazione regolare è fondamentale per lo sviluppo della pianta e della fioritura. Ogni 2-3settimane procedere all'aggiunta di un concime ricco di azoto all'aqua di innafiatura in primavera e uno ricco di potassio da fine estate all'inizio dell'autunno.

Riproduzione

La riproduzione avviene per  divisione dei rizomi, circa ogni tre anni, rinvasando subito le porzioni.

Substrato

Un miscuglio di 1 parte di sfagno, 2 parti di fibra di osmunda o di corteccia tagliata a pezzettini e 1 parte di sabbia grossolana o di perlite.

Parassiti/malattie

Le cocciniglie possono iinfestare le foglie; problemi ‘ più gravi possono essere provocati dai tripidi, che danneggiano sia le foglie sia i fiori.