Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Cimbidio

Il cimbidio è una pianta graziosa ed elegante, particolarmente indicata ad esempio per gli amanti delle orchidee, ma che non dispongono di una casa esposta al sole. La grande virtù di questa orchidea è di essere molto adattabile e facile da coltivare.
Anche se un po’ trascurata fiorisce magnificamente: se poi viene ben curata produce fiori spettacolari.

Cimbidio Cymbidium sspp.

Nel proprio habitat naturale il cimbidio cresce sia sugli alberi, sia sul terreno, mentre le specie coltivate in appartamento sono epifite. Quando non è in fiore, il cimbidio è una pianta piuttosto insiginificante, non degna di nota, ma quando fiorisce è  davvero splendida; sui fusti fioriferi si forma una quindicina di fiori larghi 5-10 cm, che durano circa 6 settimane e ogni pianta produce 3 o più fusti fioriferi per stagione. Le foglie, sottili e sempreverdi, si formano a livello del suolo da uno pseudobulbo piatto e sembrano un po’ steli d’erba giganti.

Esposizione

L'esposizione deve essere luminosa, ma bisogna avere l'accortezza di evitare il sole diretto perchè i raggi solari bruciano le foglie e possono anche far morire la pianta.

Temperatura

La temperatura ottimale è quella compresa fra i 18 e i 24° C in estate e tra i 15 e i 18° C in inverno. Può sopportare anche temperature notturne di 13 °C, a condizione però che la temperatura sia più elevata di giorno.

lnnaffiature

Abbondanti da aprile a settembre, dando tempo al composto di asciugare tra un' innaffiatura e l’altra: l’eccesso di acqua fa marcire le radici.
Come in tutte le piante di questo tipo, è preferibile usare acqua piovana, oppure acqua non calcarea, riposata a temperetura ambiente.

Riproduzione

La riproduzione avviene per divisione dei cespi si estrae la pianta dal vaso e si cerca il punto in cui si divide naturalmente in due; si separa quindi con un gesto deciso. Si piantano le porzioni di pianta, ognuna fornita di almeno un germoglio , in vasi poco più grandi del volume occupato dalle radici, riempiti con un composto di sfagno. Quando le piantine hanno radicato si trasfericono in contenitori più grandi e si trattano come piante adulte.

Terreno

Deve essere fertile ben drenato costituito da terriccio fibroso, 2  parti di corteccia sminuzzata, 1 parte di torba e 1 parte di sabbia di fiume.

Parassiti/malattie

Il ragnetto rosso attacca il cimbidio quando l'atmosfera è troppo secca.