Home page

Schede piante

Tecniche

Patologie

Forum

News

Contatti
Schede piante

Spinacio (Spinacia oleracea)

scheda pianta
Spinacio

Gli spinaci (Spìnacia oleraceà) sono una pianta annuale molto nutriente, coltivata per le foglie che possono essere consumate crude in insalata o cotte.
Gli spinaci Nuova Zelanda (Tetragona espansa) dal punto di vista botanico appartengono a una famiglia diversa da quella degli spinaci comuni, ma sono assai simili.
Le foglie triangolari e con la punta smussata hanno un sapore più delicato di quelle degli spinaci comuni.
Tecnica colturale
Gli spinaci comuni hanno bisogno di un terreno ricco di sostanza organica e quindi in grado di trattenere l'umidità.
Durante la vangatura invernale interrare composta o letame ben maturi.
Terreno e posizione
Gli spinaci non crescono bene nei terreni poveri, aridi o troppo acidi; il terreno ideale ha pH 6,5-7,5.
Dato che crescono molto rapidamente, gli spinaci rappresentano una possibile coltura intercalare da coltivare tra le file di altri ortaggi più alti, come i piselli o i fagioli, che li ombreggiano leggermente durante i mesi estivi.

Varietà primaverili ed estive
Per avere un raccolto continuo durante tutta la primavera e l'estate, seminare scalarmente ogni due settimane da febbraio a maggio.
Tracciare dei solchi profondi 1,5-2 cm, distanti 30 cm e seminare molto rado.
Diradamento
Gli spinaci hanno un sapore migliore se il loro sviluppo non subisce arresti, perciò è molto importante sia seminarli ben distanziati che diradarli precocemente.
Se le piante sono troppo fitte nelle file, rimangono deboli e sementiscono rapidamente. Non appena i semenzali sono abbastanza grandi da essere maneggiati, diradarli a 7-8 cm.
Quando le piantine cominciano a essere troppo vicine, diradarle di nuovo a 15 cm. Le piantine eliminate possono già essere consumate.
Sarchiare spesso tra le file per sopprimere le infestanti.
Irrigazione
Gli spinaci devono essere sempre ben irrigati, soprattutto quando il tempo è caldo e siccitoso, altrimenti tendono a sementire.
Se si presentano queste condizioni climatiche, irrigare in ragione di 18 l/m2 ogni settimana, anche se le piante sono ancora molto piccole.

Varietà autunnali e invernali
Eseguire una semina scalare esattamente come per le varietà estive dalla fine di agosto a novembre, se il tempo è mite, e scegliendo comunque una posizione ben soleggiata, non seminare troppo fitto.
Nelle zone più fredde da ottobre in avanti proteggere le piante con campane.
Con un sarchiatolo a tiro rimuovere regolarmente tutte le infestanti intorno alle campane.

Gli spinaci primaverili ed estivi sono pronti da raccogliere 8-10 settimane dopo la semina.
Si può raccogliere in una volta sola anche metà delle foglie di una pianta.
Gli spinaci autunnali e invernali impiegano più tempo per maturare e non sono pronti da raccogliere che 12 settimane circa dopo la semina.
Raccogliere solo qualche foglia per volta da ogni pianta.
Cominciare dalle foglie più esterne quando sono ancora giovani e tenere, rompendo gli steli con le mani. Non strappare gli steli perché si danneggerebbero le piante. Eseguendo la raccolta regolarmente in questo modo, le piante tendono a produrre più foglie per un periodo più lungo. Gli spinaci vanno consumati il più presto possibile dopo la raccolta, ma possono anche essere congelati.
Parassiti e malattie
Un accurato diradamento delle piante in via di sviluppo e un'attenta irrigazione dovrebbero prevenire gli attacchi di peronospora.
Se le piante dovessero esserne colpite, nebulizzarle con zineb o con un fungicida rameico.

 

Tutti i marchi e nomi citati appartengono ai rispettivi proprietari.
I contenuti di questo sito appartengono a Armando Mancini.
Ogni tipo di riproduzione, con ogni mezzo ed in ogni luogo, è espressamente vietata senza consenso scritto.