Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Jacobinia

La grande quantità di gradevoli fiori intensamente colorati, riuniti in grandi spighe coniche terminali in delicati piccoli grappoli, hanno determinato la grossa diffusione della Jacobinia come piante da interno

Jacobinia (Jacobinia carnea)

La jacobinia più coltivata tra le circa 420 specie, è la Jacobinia Carnea; si tratta di un arbusto sempreverde, originario di regioni a clima tropicale o subtropicale, dalla crescita vigorosa, che supera rapidamente il metro e oltre: le sue foglie appuntite, dai margini ondulati, di colore verde scuro, sono talvolta colorate in rosso sulla pagina inferiore. Da luglio a settembre si formano grandi spighe piumose di fiori rosa.
Finita la fioritura, le piante vengono recise alla base e si riducono le innaffiature. Si rinvasa in primavera ogni due o tre anni; se non si può rinvasare si rinnova uno strato superficiale di composto di 3-5 centimetri.

Famiglia

Acantacee
Origine: Brasile

Esposizione

La pianta va collocata in piena luce ma non direttamente al sole, almeno nei mesi più caldi. Anche durante la stagione fredda, l’esposizione dev’essere il più luminosa possibile.

Temperature

La pianta gradìsce d'estate temperature di 18-24 °C, mentre la minima invernale deve essere di 15 °C evitando che scenda sotto i 13° C.

Innaffiature

Le innaffiature devono essere frequenti, cercando di mantenenere il composto sempre bagnato, evitando però che l’acqua ristagni nel sottovaso:  soprattutto in inverno il drenaggio è molto importante; si spruzzano spesso le foglie per garantire umidità. D'inverno sì innaffia quanto basta per non far asciugare il composto.

Fertilizzazione

A partire da aprile e fino a settembre si aggiunge fertilizzante liquido all'acqua delle innaffiature ogni due settimane circa.

Riproduzione

Durante la primavera si prelevano talee di 8-10 cm, si tratta l’estremità tagliata con ormoni radicanti e si piantano in un miscuglio in parti uguali di torba e sabbia, proteggendole con un sacchetto di politene trasparente, o in cassetta di moltiplicazione.Dopo 2-3 settimane le talee radicate si scoprono e si tengono umide, e 21-24 °C.
Dopo circa un mese si trapiantano in vasi da 10 cm, in un buon composto da vaso, e poi in vasi più grandi.

Substrato

Utilizzare comune terriccio universale da vaso per piante da interni.

Parassiti /malattie

L'atmosfera secca può favorire l'attacco del ragnetto rosso; il marciume radicale provoca la formazione di zone molli e scure alla base dei fusti.