Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Beloperone

Il genere Beloperone comprende circa 60 specie di piante perenni; la più coltivata è Beloperone guttata, un arbusto sempreverde che raggiunge l’altezza di 40-50 cm (eccezionalmente 1 m).

Beloperone (Beloperone guttata)

Ha foglie ovate, ruvide e pelose e fiori piccoli, bianchi, che sbocciano da aprile a dicembre; tutta l’infiorescenza ha la forma di una pannocchia pendula, lunga fino a 15 cm, che assomiglia al corpo di un gamberetto; i fusti sono sottili, flessuosi e abbastanza delicati. Il valore ornamentale della pianta risiede nelle brattee che accompagnano i fiori, dapprima verdastre e poi rosso-brune, durevoli, lunghe 10-15 cm, rivolte verso il basso. La produzione di fiori e di brattee, in buone condizioni di coltivazione, prosegue da aprile a dicembre. Sono disponibili in commercio cultivar con brattee gialle o arancione. B. carnosa ha brattee rosso-brune e fiori gialli, mentre B.violacea ha brattee di color bruno ramato e fiori porpora.

Esposizione

Luminosa, ma non a pieno sole; d’estate si consiglia di collocare la pianta in un punto fresco e a mezza luce.

Substrato

Si consiglia di utilizzare un miscuglio di terriccio universale , terra di foglie e sabbia. E' necessario provvedere a un buon drenaggio.

Note colturali

Temperatura: la minima invernale non deve mai scendere sotto i 10 °C.

Innaffiature: frequenti in estate ma ridotte nelle stagioni intermedie ed in inverno.

Fertilizzazione : in primavera e in estate aggiungere ogni 20-30 giorni un fertilizzante ternario (NPK) all'acqua delle innaffiature.

Riproduzione

All'inizio della primavera si provvede al prelievo di talee dal fusto o dai rami privi di fiori, lasciando attaccato un pezzetto di corteccia del ramo portante; le talee si pongono a radicare in torba e sabbia a 18-20°C.

Parassiti/malattie

La cocciniglia farinosa e l'afide verde possono invadere la pianta. Le innaffiature eccessive causano la perdita di colore delle foglie (far asciugare la pianta prima di annaffiare nuovamente). Le correnti di aria fredda e la siccità causano la caduta delle foglie.