Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Eschinanto

Tutti gli Aeschynanthus coltivati come piante d’appartamento sono specie epifite che producono numerosi fusti piuttosto flessuosi, lunghi, rampicanti, che portano foglie ellittiche, ben distanziate tra loro rigide e carnose, di colore verde
scuro.

Eschinanto (Aeschynanthus javanensis)

Coltivandoli in contenitori appesi si mettono in risalto i fiori rosso-arancio brillante riuniti in grappoli, molto decorativi, che sbocciano durante l‘estate. Aeschynanthus javanensis presenta fogiie piccole, leggermente dentate, ovali, verde scuro.
I fiori, scarlatti e con la fauce di colore giallo brillante, sono tubulosi e un po' ricurvi; emergono da un calice setoso a forma di coppa di color porpora.
L’eschinanto si rinvasa in genere ogni 3 anni. Per ottenere una composizione originale, è possibile coltivan l'eschinanto su un pezzo di legno nodoso che riproduca le condizioni naturali in cui la pianta si sviluppa

Famiglia

Gesneriacee

Origini

Regioni tropicali e subtropicali dell’Asia

Esposizione

Molto luminosa, evitando l'insolazione per periodi prolungati.

Cure colturali

La temperatura in estate deve essere di 21-27°C, mentre  durante la stagione fredda la minima non dovrebbe scendere sotto i 15°C; le innaffiature devono essere  moderate all'inizio della primavera, quindi si aumentano gradualmente  fino ad annaffiare di frequente durante l'estate; quando fa molto caldo è bene spruzzare acqua quotidianamente; a metà autunno si riduce gradatamente la quantità di acqua, fino a mantenere appena umido il composto durante l'inverno.
Da metà primavera a metà autunno si somministra fertilizzante liquido diluito. Utilizzare come contenitori vasi o cesti appesi.

Riproduzione

In primavera si prelevano dai rami delle talee lunghe circa 5-10 cm;  si immerge l'estremità tagliata delle talee in una polvere a base di ormoni radicanti, quindi si piantanto in un composto uguale a quello in cui si coltivano le piante adulte, al quale si aggiunge della sabbia grossolana per il drenaggio a 20° C.

Parassiti/malattie

La presenza di formazioni fioccose sulla pagina inferiore e sull'ascella della foglie indica che la pianta è infestata dalla cocciniglia farinosa.