Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul pulsante "maggiori informazioni". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Porro

Il porro è una pianta bulbosa largamente utilizzata in cucina per il suo gusto caratteristico dolce e aromatico, ed è molto ricca di sali minerali e mucillagini utili per l'intestino

Porro (Allium porrum)

Il porro è una Liliacea coltivata per il bulbo allungato.
Se ne conoscono diverse varietà, tra le quali le più apprezzate sono: gigante d’Italia, lungo d’inverno, grosso di Carentan.

Per la sua composizione chimica, ricca in sali minerali e in mucillagini, il porro presenta marcate proprietà diuretiche, particolarmente indicate in calcolosi renali e in affezioni urinarie, nonché in quelle patologie dove si manifestano accumuli di tossine nell’organismo (reumatismi, artriti e gotta).

Come coltivare il porro

Il porro non possiede nessuna particolare esigenza nspetto al tipo di terreno o al clima.  Come molte bulbose tende a marcire in presenza di ristagni di acqua, per questo motivo l'innaffiatura dovrà essere fatta in modo tale da evitare che l’acqua ristagni.

Semina

La semina va effettuata direttamente nel terreno in primavera (oppure in semenzaio d’inverno, nel qual caso il trapianto nel terreno dovrà avvenire allo spuntare delle prime foglioline).

Raccolta

La raccolta avviene a fine estate-inizio inverno, quando cioè avrà raggiunto il suo massimo grado di crescita.

Uso del porro

Il porro risulta molto digeribile e svolge funzioni regolatrici dell’intestino: è un componente gradito di minestre e zuppe, dove apporta il suo particolare gusto dolce e aromatico.